• Admin

Perché Sur Ron Firefly?

Nella nostra testa la risposta è così facile, così intuitiva da non richiedere spiegazione.


La storia ci insegna che le grandi idee spesso sembrano sì frutto di geniali intuizioni, mentre in realtà sono il risultato di una serie di concause sulle quali si ragiona, opportunità che si è in grado di riconoscere e cogliere, risorse che si rendono disponibili, abilità che finalmente si riesce a mettere a frutto, condizioni ambientali favorevoli, e coraggio. Certo bisogna farsi trovare pronti!


E quindi?

Prima di tutto sappiate che noi non abbiamo niente di geniale, siamo solo incappati nella “serie di concause” di cui si parlava prima. Ci piace fare enduro e viviamo a Borno in Valcamonica, che è un posto meraviglioso, un paradiso verde, bianco e azzurro per chi ama la tranquillità, il trekking, le mtb e del quale conosciamo tutti i sentieri e le piste.

Potrebbero sembrare due cause di divorzio per incompatibilità se non fosse che le lunghe, lunghissime giornate passate sul web a causa del lockdown da Covid-19 ci hanno fatto scoprire il mondo Sur-Ron.


Così, giusto il tempo di rimettere il naso fuori casa e due Firefly (il primo modello lanciato dalla Casa Sur-Ron), erano già nel nostro atelier, perché quando un’idea ti piace da impazzire non stai nella pelle all’idea di metterla in pratica. Provate, anzi messe alla prova in tutte le possibili condizioni, spremute fino all’ultimo ampere, smontate e rimontate, ripensate e modificate, graffiate, infangate e ripulite. Prestate a “collaudatori” diversissimi fra loro per esperienza e capacità, il verdetto è stato unanime: che divertimento!

Sur-Ron Firefly non è una e-mtb, non ha pedali. Ha ruote da 19'', telaio e sospensioni più robusti e performanti, freni più efficaci. Costa come una e-mtb di medio livello e come una e-bike si ricarica da una comune presa di corrente domestica.

Sur-Ron Firefly non è una moto. Non fa rumore e non fa fumo. Pesa solo 48 Kg, il suo motore elettrico ha una fluidità tale da permetterle di salire il più ripido dei pendii senza smuovere le zolle, in discesa le sue ruote non scavano in frenata. Costa meno di una moto da enduro sia all’acquisto sia nel lungo periodo.

Tecnicamente è un e-ciclomotore, su strada ha tutte le dotazioni previste dal codice della strada, è targata e assicurata, come tutti i veicoli elettrici può accedere alle ZTL ed è esente da bollo, può essere guidata a partire dai 14 anni con patente AM.



Vi state chiedendo cosa centra con l’amore per il nostro paese, per il bellissimo Altopiano del Sole?

Incredibilmente, ce lo spiega Paul McCartney: Ci deve essere un modo migliore per fare le cose che vogliamo, un modo che non inquini il cielo, o la pioggia, o la terra.

112 visualizzazioni0 commenti